Crollo del ponte, Ferrara contro Salvini in difesa di Benetton: “E’ uno sciacallo, ha tagliato…”



Giuliano Ferrara contro corrente, si scaglia contro Salvini e Di Maio e in difesa del colosso Benetton. Ecco cosa ha detto contro i due leader

In un editoriale sul Foglio Giuliano Ferrara non si risparmia ne contro Matteo Salvini ne contro Di Maio, i due leader politici.
Ferrara contro Di Maio e Salvini

I due leader Di Maio e Salvini hanno deciso di revocare la concessione ad Autostrade. Ferrara si esprime così nei loro confronti:

“Giggino e il lobbista vice del suo vice, mentre l’addetto alle Infrastrutture se la prendeva con i camionisti polacchi rei di caricare troppo i loro Tir, additavano la società privata Autostrade della famiglia Benetton come imputato da condannare senza attendere i tempi dell’accertamento via indagini ed eventuale processo, facendosi tribunale di giustizia sommaria e aggiungendo velenose insinuazioni sul sostegno finanziario dei Benetton ai governi e alle forze politiche del passato”

Ma ovviamente, il giornalista non si è limitato a questo e ha mosso più in fondo il coltello della sua critica:

“miserabile il teatrino di poveri sciacalli”.

Le critiche a Salvini

Non solo Luigi Di Maio e i grillini, anche Salvini viene colpito dalla critica di Ferrara:

“Il Truce, nel bel mezzo di una spanzata tra i suoi a Messina, ha messo sotto tiro l’ Unione europea, colpevole di aver tagliato fondi, per via dell’austerità, destinati alla manutenzione delle infrastrutture. E’ stato smentito su tutta la linea”.

Ma quali possano essere state le cause di una tragedia così devastante? Ricordiamo che sono morte per adesso 39 persone:

“Tutti sanno, chi per scienza chi per semplice senso comune, che per adesso il crollo del Morandi a cinquant’ anni dalla sua costruzione può avere molte cause diverse e nessuna accertata”.

Di Susy Caruso
Fonte:www.kontrokultura.it