Non toccatela assolutamente! L’allarme lanciato dagli esperti: Si diffonde anche in Italia

Si tratta di una pianta velenosa e molto diffusa anche in italia. Può provocare delle ustioni anche gravi e addirittura portare alla cecità.

Stiamo parlando della panace gigante, chiamata anche Mantegazzi, pianta molto diffusa in tutta Italia. Secondo quanto riportato dal National Geographic, si tratterebbe di una specie vegetale che può raggiungere anche i 2 metri di altezza, i suoi fiori sono bianchi e la sua provenienza trova origini nel Caucaso. Cresce più facilmente in montagna. Venne introdotta in Europa come pianta ornamentale e presto si è diffusa su tutto il territorio europeo.

L’Orto Botanico di Bergamo è il primo istituto che lancia l’allarme e invita tutti a prestare molta attenzione per chi dovesse entrare in contatto con detta pianta.

Questa pianta provoca ustioni: ma dove si trova in Italia?

Cresce e si riproduce velocemente in luoghi molto soleggiati, può raggiungere grandi altezze, anche fino a 3 metri, il suo pericolo si nasconde nella linfa. Infatti la linfa, unita con l’umidità e la luce del sole provoca gravissime ustioni, vesciche, cicatrici e addirittura può anche provocare la cecità. La sua pericolosità è talmente alta che in alcuni paesi sono organizzate delle campagne per cercare di eliminarla completamente.

Si tratta di una specie molto velenosa per l’essere umano. La linfa di questa pianta a contatto con l’epidermide e la rende molto sensibile alla luce del sole, in pratica i raggi ultravioletti diventano pericolosi ed ustionanti.

Nel nostro paese è presente in diverse regioni, si diffonde lungo i corsi d’acqua, nei prati incolti. Viene quindi segnalata dall’Orto Botanico di Bergamo in Val Seriana, più precisamente tra Clusone e Ponte Nossa. La si trova comunque molto facilmente in Valle d’Aosta, Piemonte e Liguria. Meno diffusa ma comunque presente anche in Trentino e Veneto.

Questo video aiuta a riconoscerla

<iframe width=”560″ height=”315″ src=”https://www.youtube.com/embed/z7rWZ5H63Gc” frameborder=”0″ allow=”autoplay; encrypted-media” allowfullscreen></iframe>

 

Fonte: https://www.kontrokultura.it