Boldrini e Grasso: poliziotti e carabinieri devono essere “Disarmati”

In una combo Laura Boldrini e Pietro Grasso eletti rispettivamente presidente della Camera e del Senato. ANSA / ETTORE FERRARI


In una combo Laura Boldrini e Pietro Grasso eletti rispettivamente presidente della Camera e del Senato. ANSA / ETTORE FERRARI

Corsi di formazione per violenza ai poliziotti. Chi porta secondo voi la firma di questo geniale disegno di legge? Del partito già “miracolato” con la concessione del gruppo parlamentare autonomo alla Camera, nonostante non avesse il numero di deputati eletti sufficiente. Liberi e Uguali, quattro gatti, demoliti alle urne, eppure ancora possono essere pericolosi. Poliziotti, disarmatevi e meditate. Mantenere l’ordine pubblico con il pensiero va oltre le “boldrinate” cui eravamo abituati. A raccogliere il testimone delle proposte assurde dell’ex presidente della Camera, stavolta è stata la senatrice Loredana De Petris. Disarmare gli agenti e iscriverli a corsi di formazione sulla pratica della non violenza. Funziona – assicura la De Petris – in altri Paesi già succede.

Umiliati, massacrati, insultati. Ora pure disarmati. La De Petris sostiene – informa il Giornale – che anche la non violenza fa parte della formazione professionale. In Italia, informa la senatrice la quale evidentemente non è toccata in modo particolare dalle notizie di cronaca e dalla sicurezza, ci sono rilevanti esperienze formative locali, «ad esempio a Milano e a Palermo, riportate dalle pubblicazioni della professoressa Marianella Sclavi del Politecnico e dal professore Andrea Cozzo, dell’ ateneo palermitano. Ora si tratta di rendere il tutto obbligatorio per legge». Tutta teoria, tutta follia.

La De Petris difende gli antagonisti
I poliziotti come Gandhi. Nella relazione che fa da cornice al suo disegno di legge la De Petris motiva la sua trovata citando i casi limite ed offendento i tanti esponenti delle forze dell’ordine che affrontano folle di inferociti antagonisti, rischiando la pelle, a volte perdendola. La senatrice di Leu non e ne cura: assistiamo a «episodi esecrabili che nel linguaggio dei media vengono indicati come “morti di Stato”. Sono storie di fermati dalle forze dell’ordine e successivamente deceduti».

Cita i casi dei poveri Stefano Cucchi, Federico Aldrovandi, Giuseppe Uva, Michele Ferrulli, Carlo Saturno. Sono casi, prosegue De Petris, che non avrebbero avuto «un esito fatale con opportune misure di prevenzione ed educazione alla non violenza».
La De Petris va oltre quando parla del cattivo addestramento dei poliziotti: «È una forma di educazione – dice, – che tende a disumanizzare e a considerare pericolosi per l’ ordine sociale gli antagonisti, i ribelli, gli emarginati, i carcerati…».

Non si può sentire oltre, addirittura arriva a difendere i “bravi ragazzi” deiu centri sociali e dei No Tav, definito «il movimento che più di tutti ha dovuto fare i conti con la violenza delle forze dell’ ordine in diverse occasioni». La De Petris è fuori dalla realtà. LeU è fuori dalla realtà.
Citiamo i punti del disegno di legge solo per completezza, nonostante l’assurdità. Prevede quattro articoli. In cui si chiede di avviare il personale di pubblica sicurezza alla cultura del satyagraha, introducendo «le metodologie didattiche più idonee ad elevare la conoscenza e l’ uso dei valori, delle tecniche, delle modalità di servizio e delle strategie della nonviolenza».